Se un uomo avanza con decisione nella direzione dei suoi sogni,
e si sforza di vivere la vita che ha immaginato, allora incontrerà
un successo inatteso in tempi comuni”
.

(H. D. Thoreau).

La Psicologia per me è l’espressione concreta di questa frase, è il contenitore nutriente e rispettoso dove accolgo i miei clienti, è una grande madre che ha ascoltato le mie fragilità e instabilità, strutturandomi lì dove mancavo di sicurezze.

Attraverso il mio training professionale e personale è stata mia premura lavorare strenuamente per costruirmi una base sicura e stabile, e insieme prendere la decisione di migliorare il bisogno basico di esistere per me e non per servire qualcuno o qualcosa.

Sono questi i presupposti con cui mi rivolgo alle persone che chiedono il mio aiuto, considerando che il cammino psicoterapeutico verso il ripristino di un equilibrio psicofisiologico è duro e non pochi sono i momenti di sfiducia e/o la presenza di resistenze messe in atto per boicottare il cambiamento.

Considero le fasi della valutazione, formulazione e intervento di un caso, un delicato processo soggettivo, contemplativo, individualizzato e sensibile. Implica che si colga il senso della vita interiore peculiare di una persona e che si avanzi 

Newsletter

con delicatezza nei differenti aspetti del suo mondo privato, cercando di capire cosa significhi vivere nella sua pelle.

Fare psicoterapia con un cliente significa aiutarlo a dare senso e significato al suo disagio, prendere coscienza dei sentimenti nascosti e muti, connettersi con i suoi bisogni autentici e a stare nel suo spazio emotivo.
Il modello psicoterapeutico umanistico integrato che utilizzo nel mio lavoro considera la conoscenza come soggettiva, basata sul sentire individuale, ovvero sulla specificità di ogni sentire e sulla capacità di trasformarlo in apprendimento, in esperienza.
Il sentire non è giusto o sbagliato: è personale. L’individuo si definisce come esistente nel qui ed ora e la sua immagine è essenzialmente di persona positiva e attiva, coinvolta in un processo di autorealizzazione che ha capacità di assegnare significati all’esperienza ed è alla ricerca dell’equilibrio.

Dr.ssa Angela Elia

 

pulsantearticolo



 

 

 

 

Condividi l'articolo sui social!Share on FacebookShare on Google+Tweet about this on TwitterShare on LinkedIn